Sito web fai da te. Errori da evitare

Sito web ErroriÈ arrivato il momento di associare alla tua azienda un sito web che migliori la comunicazione con clienti acquisti e potenziali. Se in una prima fase decidi di utilizzare uno dei tanti site builder disponibili e di creare da solo il tuo sito web ci sono degli errori che è bene non commettere. In questo articolo analizzeremo gli errori in genere commessi da chi è alle prime armi nella creazione di siti web o blog.

 

 

 

Grazie ai CMS ed ai web site builder la creazione di un sito web che non abbia troppe pretese è alla portata di tutti. Esistono, però, alcune regole che è bene osservare se si vogliono evitare errori che compromettano o riducano l’efficacia della vetrina virtuale creata per la propria attività.

 

 

  1. Non avere un obiettivo ben definito

    Ogni sito deve avere uno scopo. Sia esso un e-commerce, un blog o un sito vetrina. Prima di tuffarti a capofitto nella creazione del sito prenditi del tempo per capire quali sono gli obiettivi che intendi raggiungere. Vuoi raggiungere un maggior numero di persone ed aumentare il numero di clienti? Vuoi creare una comunità di follower che condividono la tua stessa passione per la birra artigianale? Vuoi creare un blog con un traffico tale da consentirti di guadagnare tramite le pubblicità?
    Oltre a definire un obiettivo principale devi anche definire lo scopo di ogni pagina che andrai a creare. Ad esempio un e-commerce che ha come obiettivo primario la vendita di uno o più prodotti avrà pagine il cui intento non è quello di vendere un articolo ma di accrescere la fiducia degli utenti sul brand oppure di ottenere nuove iscrizioni alla newsletter.

  2. Pensare esclusivamente agli utenti desktop

    Gli utenti ormai navigano più tramite i dispositivi mobili che tramite i computer fissi. Se crei un sito web che funzioni bene solo sui desktop, la maggior parte dei visitatori riscontreranno una esperienza utente non ottimale. Il modo migliore per evitare tale evenienza è quello di utilizzare template mobile friendly.

  3. Organizzare il sito in maniera confusa

    Il successo di un sito è fortemente correlato alla facilità di consultazione ed alla semplicità con cui è possibile trovare ciò che si sta cercando (i.e. prodotto, articolo, ecc.). Se il tuo sito è composto da poche pagine (meno di 10) non dovrebbero esserci grossi problemi ad organizzarlo in modo ottimale, se invece intendi costruire un sito più complesso allora è importante creare in anticipo una struttura che semplifichi la sua consultazione e fruizione da parte degli utenti. Mettiti nei panni dei visitatori e chiediti quali siano le loro esigenze.

  4. Stile confuso

    Un sito ben strutturato e stilisticamente accattivante è caratterizzato da interfacce accomunate dello stesso stile. Se clicchi su una pagina del sito e ti ritrovi su una pagina con uno stile completamente diverso dal precedente penserai di aver abbandonato il sito e di essere approdato su un sito completamente diverso.

    Definisci quali dovranno essere i colori primari del sito/blog, riproponi lo stesso menu per tutte le pagine ed utilizza sempre lo stesso font. Inserire il logo in alto a sinistra di ciascuna pagina è un’altra accortezza che dovrai avere. Crea uno stile ben definito e non effettuare modifiche che possano generare confusione tra gli utenti.

  5. Fotografie stock

    Utilizzare foto gratuite reperite dai vari siti che offrono stock di foto a costo zero non sempre è una buona idea. Se vuoi creare un sito che si distingua dalla massa devi evitare, quando possibile, di inserire immagini presenti su migliaia di altri siti. Considera la possibilità di assumere un fotografo professionista ed inserisci foto uniche e memorabili.

  6. Immagini non ottimizzate

    Ogni immagine inserita sul tuo sito contribuisce in quota parte al SEO. Assicurati che le immagini siano delle dimensioni giuste (troppo grandi rallenterebbero il caricamento della pagina, troppo piccole apparirebbero sfocate) e che il nome ed il tag alt contengano le parole chiave.

Sito web fai da te. Errori da evitare
Dai un voto a questo articolo.
Condividi

You may also like