Quante e-mail inviare ai tuoi clienti?

e-mail marketingOtto? Cinque? Nessuna? E con quale frequenza? Settimanale? Mensile? Trimestrale?  La questione e-mail, vista in quest’ottica, può disorientare.

Identificare la giusta cadenza di comunicazione via e-mail con i propri clienti non è proprio semplicissimo.  Esperti del settore hanno costruito la loro carriere proprio sull’identificazione di strategie appropriate per questa forma di marketing e di comunicazione.  Molti degli addetti ai lavori asseriscono che la questione va spostata non sulla frequenza di invio ma sul contenuti.

 

 

Rilevanza dell’e-mail marketing

Prima di proseguire cerchiamo di capire se l’e-mail continua ad essere uno strumento di marketing efficace.

La crescita esponenziale dei social media, come Printerest o Snapchat, pone qualche dubbio sulla indiscussa supremazia riconosciuta, fino a qualche tempo fa, alle e-mail.

Secondo quanto riportato da autorevoli ricerche, le e-mail continuano a farla da padrone.  Sembra infatti che per il 2019 gli utilizzatori di e-mail saranno circa 2,9 miliardi.  Un dato, questo, più che sufficiente a rendere quanto meno azzardata l’ipotesi di rinunciare alle e-mail in ambito marketing.

 

statistiche numero email 2019

 

I clienti continuano a dare molto più credito ai contenuti riportati nelle e-mail ricevute in seguito a sottoscrizione.  La volontà espressa a ricevere informazioni su prodotti e servizi fa si che i consigli e le proposte di acquisto vengano tenute in maggior considerazione rispetto a pubblicità televisive, banner, video online, ecc.  Quindi, nonostante gli strumenti pubblicitari aumentino, le e-mail continuano a conservare la loro rilevanza.

 

 

Qual è il valore aggiunto attribuibile alle e-mail?

Una volta stabilita, quindi, l’importanza delle e-mail in ambito marketing, occorre capire quale sia il numero di e-mail che è opportuno inviare ai propri clienti o potenziali tali. Come già anticipato la questione numero è di scarsa rilevanza.  La vera domanda da porsi è:  “qual è il contributo che le mie e-mail sono in grado di dare ai miei clienti?” Se non hai una risposta valida a questa domanda allora forse è opportuno ripensare alla tua strategia di marketing.

La questione valore è la vera domanda da porsi.  E’ quella che ti permetterà di ottimizzare le tue campagne e-mail ed ottenere i risultati desiderati.

 

 

Come determinare il valore?

Il concetto valore è soggettivo;  Stabilirne il valore per i clienti non è così semplice ed immediato.

Un parametro spesso utilizzato è quello legato al tipo di rapporto che lega la propria azienda con il destinatario della e-mail.

Ad esempio:

  • Nuovo cliente – In genere interessati a come risolvere determinate problematiche, ad aggiornamenti sui prodotti/servizi ed a stabilire un legame con una comunità di utenti accomunata da uno stesso interesse.
  • Clienti a rischio – sensibili alle lusinghe di offerte speciali, pacchetti promozionali e testimonial in grado di riavvicinarli alla azienda.
  • Clienti consolidati – desiderano ricevere poche e-mail ma ricche di contenuti come casi studio, approfondimenti, e-book.

 

Acquisire una buona conoscenza del proprio pubblico richiede tempo e costanza.  Ogni e-mail inviata va considerata come un test e richiede una analisi approfondita dei dati analitici in grado di fornire risposte ed indicazione sulle future strategie.

 

Per le tue campagne di marketing a mezzo e-mail, HostingPerTe, tramite  SMTP dedicato,  offre un servizio garantito che consente di inviare fino a 30.000 messaggi giornalieri.

Quante e-mail inviare ai tuoi clienti?
Dai un voto a questo articolo.
Condividi

You may also like