PPC vs SEO

Il duro lavoro ha dato i suoi frutti ed il tuo sito è ora online. Sai bene, ovviamente, che sei solo agli inizi e che se vuoi raggiungere i tuoi obiettivi c’è ancora molto da fare. Il tuo sito, perché funzioni, deve poter contare su un numero congruo di utenti qualificati. Se hai già iniziato a valutare le varie strategie di marketing hai sicuramente identificato due macro azioni da porre in essere: Search Engine Optimization (SEO) e pubblicità Pay-Per-Click (PPC)

Quale preferire? Quale tattica può dare i risultati migliori ed in che momento? In questo articolo valuteremo pro è contro di queste due strategie e cercheremo di capire quando è opportuno utilizzarne una piuttosto che un’altra.

 

 

 

 

Qual è la differenza tra SEO e PPC?

La differenza tra SEO e PPC risiede principalmente sul dove viene collocato il tuo sito tra i risultati di ricerca dei motori di ricerca (SERP) ed in che modo raggiungi quella determinata posizione.

 

 

Marketing PPC

Con il PPC fondamentalmente acquisti degli spazi sulla SERP e, in base al capitale investito, il tuo nominativo comparirà in cima, alla fine o sul lato della lista dei risultati di ricerca. Il modello utilizzato è quello dell’asta e la logica è semplice, più investi e meglio ti posizioni nella lista.

 

Marketing SEO

L’ottimizzazione del sito comporta miglioramenti del traffico organico ovvero del traffico che non prevede costi pubblicitari. Diverse le tattiche implementabili:

  • Ottimizzazione del sito per keyword specifiche.
  • Buona user experience soprattutto in termini di velocità di download delle pagine e compatibilità con i dispositivi mobili.
  • Backlink qualificati che rimandano al tuo sito.

 

 

SEO vs PPC suddiviso per categorie

 

Costi

A prima vista può sembrare ovvio che il PPC abbia costi superiori, nella realtà, però, la quantificazione dei costi ed una comparazione in termini economici non è così semplice.

Rivolgersi ad un professionista SEO (scelta consigliata), secondo quanto riportato da alcune statistiche, può avere un costo che oscilla tre i cinquecento ed i mille euro su base mensile.

Le campagne PPC, pur essendo da te direttamente gestibili possono gravare in maniera importante sulle casse aziendali. Aziende di medie dimensioni spendono tra € 500 e € 9000 al mese.

 

Velocità dei risultati

I risultati di un’azione SEO si palesano sul lungo termine. In genere i primi risultati iniziano ad arrivare dopo diversi mesi.

Con il PPC il discorso è completamente diverso. I risultati sono pressoché immediati ed il traffico verso il tuo sito inizia subito dopo aver lanciato una campagna marketing a pagamento.

 

Lavoro profuso

Ambedue le strategie richiedono impegno e programmazione. In una prima fase devi ricercare le parole chiave rapportabili al tuo target. Poi devi impostare le campagne, monitorare i risultati ed apportare le modifiche necessarie al miglioramento dell’azione di marketing in corso.

L’iter è lo stesso sia per le campagne PPC che per il SEO; In quest’ultimo caso, però, il lavoro è molto più lungo e complesso.

 

CTR

Diverse statistiche riportano che il click-through-rate (CTR) scaturenti dalle ricerche organiche sui desktop è del 65% rispetto al ben più modesto 4% delle pubblicità PPC. Sui dispositivi mobili il dato è leggermente inferiore sia per le ricerche organiche (CTR di circa il 40%) che per il PPC (3%).

Il traffico organico garantisce, quindi, risultati di gran lunga superiori in termini di CTR.

 

 

Quale preferire? PPC o SEO?

Dipende dalle tue priorità. PPC garantisce risultati immediati ma necessita di finanziamenti costanti.

Il SEO ha tempi molto più lunghi, ma i risultati durano molto di più.

 

 

Il traffico PPC giova al SEO?

Non in maniera diretta. Molti esperti SEO ritengono che una campagna PPC comporti un miglioramento in termini di traffico organico. Il discorso è semplice; L’utente che approda sul sito dopo aver cliccato su un annuncio PPC, se gradisce quello che vede e trova le informazioni che sta cercando, molto probabilmente trascorrerà diverso tempo sul sito e contribuirà ad abbassare il bounce rate, notoriamente un fattore di peso nell’algoritmo di valutazione dei motori di ricerca.

 

 

Quale preferire?

Pur non esistendo una riposta univoca a questo quesito, la strategia migliore è quella che include ambedue le tattiche. Crea un piano di azione che preveda campagne PPC e che miri ad ottimizzare il tuo sito ai fini SEO, monitora i risultati ed apporta le modifiche avendo come obiettivo di lungo termine quello di diminuire il budget deputato alle campagne a pagamento a favore dell’ottimizzazione del tuo sito o blog.

 

 

 

 

You may also like